Le case in legno - I vantaggi dell'ecosostenibilità

Oltre ad essere belle e salubri, come abbiamo visto nel nostro post precedente, le case in legno hanno dalla loro – ovvero, come valore aggiunto – il fatto di essere ecosostenibili. Ciò comporta la riduzione dei consumi energetici, la possibilità di perfette istallazioni di fonti energetiche rinnovabili che, grazie alle proprietà di isolamento termico del legno, rendono al 100% ciò che promettono con un drastico abbattimento dei costi energetici; una flessibilità di soluzioni, tecniche ed estetiche, che non ha eguali: il legno si presta benissimo ad ogni sogno architettonico, dai più classici ai più artistici.

Tanto per fare un esempio, dato che le tubazioni interne vengono fatte scorrere dentro un’apposita intercapedine nella parete, nel caso in cui si volessero apportare modifiche strutturali nel tempo i tempi di lavorazione per la realizzazione delle modifiche si riducono al minimo, così come al minimo si riducono le parti da smontare (e non più da abbattere, come capita i muri in cemento). Parti che, una volta dismesse per la manutenzione occorrente, possono semplicemente essere rimontate, con notevelo risparmio sui costi dei materiali.

Ancora un dettaglio: essendo strutture in legno, nascono con un naturale isolamento acustico, non solo dall’esterno verso l’interno dell’edificio, ma addirittura tra una stanza e l’altra. Questo comporta un innegabile valore aggiunto soprattutto per quanto riguarda la salute – l’inquinamento acustico è uno dei mali di questa società contemporanea ancora non troppo considerato, ma certo alla base di tante noie come insonnia e emicrania – ma è una “dote” capace di rendere ancora più accogliente e calorosa la vostra casa.

Ognuno avrà il suo spazio, in cui potrà davvero dare sfogo alla propria personalità, senza che questa possa in qualche modo rappresentare un fastidio per gli altri. Ancor di più nel caso di abitazioni bifamiliari: nessun timore di far sentire ad altri i propri suoni domestici.